Menu:

Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana

In psicoterapia ericksoniana l’idea di base è che gli individui sviluppano problemi psicologici a causa dei propri schemi interpretativi della realtà, maladattivi e limitanti in quanto formatisi in seguito ad un apprendimento disfunzionale e rigido. Questa rigidità impedisce alla persona di conoscere ed utilizzare le proprie capacità con il massimo vantaggio.

Vuoi saperne di più?

 
Links Utili:

per approfondire gli argomenti trattati in questo sito si possono consultare i seguenti links di interesse

Links:

arrow SIIPE
arrow CIICS
arrow EMDR

Links Utili:

arrow IPNOSITERAPIA MARCHE
arrow IPNOSITERAPIA ROMA

Ipnosipedia

L’ipnosi viene utilizzata con buoni risultati per migliorare l’apprendimento. In questo caso l’uso dell’ipnosi è finalizzato ad aumentare e facilitare la concentrazione, l’attenzione e la memoria, e quindi a migliorare le capacità di apprendimento; a facilitare la comprensione di quanto si legge e dei problemi trattati; a rafforzare la motivazione allo studio. È usata anche per ottenere la calma e la tranquillità necessarie per superare e gestire al meglio la paura degli esami. Infine, sembra che la persona in trance ipnotica è in grado di assimilare assai più nozioni di quanto può fare normalmente.

 

ill titleIpnosi

L’ipnosi è uno stato modificato di coscienza, caratterizzato da un’attenzione focalizzata e da una coscienza “ristretta”; è un fenomeno dell’immaginazione creativa adeguatamente orientata in una rappresentazione mentale. L’ipnosi consente l’accesso alla dimensione inconscia della personalità, permette di entrare in contatto con ricordi, esperienze, immagini, emozioni non più presenti a livello cosciente.

ill_1Il termine “ipnosi” è spesso usato senza una chiara comprensione del suo significato. Per comprendere la vera natura dell’ipnosi, è necessario abbandonare molti dei pregiudizi che l’accompagnano. Non è quello che in genere si crede; non è una disciplina occulta né un fenomeno misterioso durante il quale viene sperimentata una perdita della coscienza o una sottomissione alla volontà dell’ipnotista.

Più corretto è dire che l'ipnosi fa vivere al soggetto un'esperienza immaginaria in cui la mente diviene capace di attingere alle proprie risorse inconsce in virtù di un "depotenziamento" dell’attività razionale e cosciente, senza modificare la personalità, la volontà o i principi morali dell’individuo. Solo da poco l’ipnosi si è riscattata dalle connotazioni che ne hanno limitato l’utilizzo e confinata in pochi ambiti ristretti.

Ora si guarda all’ipnosi come ad uno strumento preziosissimo, un mezzo efficace per gestire, a scopo terapeutico, i processi fisici e mentali attraverso un maggior contatto con la totalità delle proprie risorse. Ciò rende ragione delle diverse possibilità applicative dell’ipnosi. Negli ultimi anni viene sempre più utilizzata con buoni risultati in diversi disturbi di natura psicologica e in molte condizioni di tipo medico. L’ipnosi è impiegata per intervenire nei disturbi nevrotici (disturbi d’ansia, negli attacchi di panico, ecc.), nel trattamento delle fobie, nelle diverse dipendenze (alcol, fumo, ecc.), nei disordini alimentari (bulimia, anoressia), nelle malattie di origine psicosomatica.

È impiegata in ostetricia nella preparazione al parto e nel parto indolore, in odontoiatria come analgesico, in dermatologia, e negli ultimi anni anche in campo oncologico come strumento del sostegno psicologico e nella eliminazione degli effetti collaterali delle diverse terapie e nella gestione delle diverse emozioni negative.L’ipnosi è applicata con risultati spesso sorprendenti nella terapia del dolore.